Curolla

Curolla

Abruzzo, Cesti abruzzesi, Tipi di cesti
dialettale/regionale: Curolla (Abruzzo - Campotosto - AQ) - Supporto di forma a ciambella usato per posare contenitori a fondo convesso (conche e caldai, in particolare). Realizzata con steli di grano tenero o di segale. dialettale/regionale: Crolla (Abruzzo - Navelli - AQ)  
Read More
Cariòlu

Cariòlu

Abruzzo, Cesti abruzzesi, Tipi di cesti
dialettale/regionale: Cariòlu (Abruzzo - Campotosto - AQ) - Contenitore da basto, usato per il trasporto di materiali di bassa densità, solitamente il grano raccolto in covoni da portare nel sito di trebbiatura (i teli sul fondo servono a limitare le perdite). Realizzato in assi di salice bianco (cornice superiore) e coste di faggio.  
Read More
Vaglio

Vaglio

Abruzzo, Cesti abruzzesi, Cesti Liguri, Cesti valdostani, Liguria, Tipi di cesti, Valle d'Aosta
Vàglio s. m. [der. di vagliare]. – Apparecchio che serve a separare elementi di diverse dimensioni facenti parte di un aggregato di sostanze incoerenti in pezzi o in polvere; è sinon. generico di crivello e anche di staccio, o setaccio. (fonte Treccani) dialettale/regionale: Vano (Liguria) - La cesta rappresentata nella foto viene chiamata, nel dialetto del ponente ligure, vano e veniva utilizzata per vagliare cereali, legumi e castagne. Il materiale utilizzato per la sua realizzazione è castagno spaccato in lamine sottili per la struttura (sgusce in ligure),  mentre per la tessitura veniva utilizzato il giunco che cresce a cespuglio lungo i corsi d'acqua. dialettale/regionale: Cru'élla (Abruzzo - Campotosto - AQ) dialettale/regionale: Van (Valle d'Aosta)  - Il cesto nella foto sotto era realizzato in lamine di nocciolo o castagno o in alcuni casi anche tutto in salice. Al…
Read More

Sporta

Abruzzo, Calabria, Campania, Cesti abruzzesi, Cesti calabresi, Cesti campani, Cesti laziali, Lazio, Tipi di cesti
Sporta - Tipo di contenitore che prende forse il nome dallo sparto. Materiale della famiglia delle graminacee che serve per la produzione di cesteria molle. Sporta termine latino che deriva dal greco  σπυρίς. Il diminutivo è sportula termine con cui i romani chiamavano le grandi ceste usate dalle matrone romane per fare la spesa. Ancora oggi indica le grandi ceste, fatte con diversi materiali come vimini, paglia, o sparto. dialettale/regionale: Sporta e paglia o Spurtune (Calabria) - sporta: realizzata con la tecnica a spirale o spurtune: sporta realizzata in lamina. dialettale/regionale: Sporta (Lazio) dialettale/regionale: À  Spòrt (Campania - napoletano) - Cesta grande, bassa, con o senza tela interna, con 2 manici laterali, che serviva per depositare la frutta appena raccolta. dialettale/regionale: Spòrta (Abruzzo - Campotosto - AQ)  
Read More
Fuscella

Fuscella

Abruzzo, Calabria, Campania, Cesti abruzzesi, Cesti calabresi, Cesti campani, Cesti laziali, Lazio, Tipi di cesti
Fiscella o Fuscella - Contenitore molle per raccogliere frutta o per far scolare il siero della ricotta il cui nome deriva sempre dal latino fiscus. dialettale/regionale: Fuscella (Lazio)   dialettale/regionale: Custignu (Campania - Cilento) Fuscella in giunco per i formaggi. dialettale/regionale: Fascedda (Campania - Cilento) Fuscella in ginestra per i formaggi dialettale/regionale: Fusceddra o Fuscella (Calabria) Ascolta la pronuncia di Fusceddra: [audio m4a="https://www.wikicesteria.it/wp-content/uploads/fusceddra.m4a"][/audio]   Fonte: Facebook - Calabria Ieri  dialettale/regionale: Fruscèlla (Abruzzo - Campotosto - AQ)  
Read More