Roncola

Roncola

Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Utensili
Roncola - E' un attrezzo formato da una lama curvata a forma di uncino, affilata dal lato concavo e munita di impugnatura. Viene usata da agricoltori, boscaioli e giardinieri per tagliare arbusti e piccoli rami. In cesteria viene usata spesso con o al posto delle cesoie per tagliare le canne, i rami del nocciolo, del castagno e altri materiali. Roncola a serramanico Roncola a serramanico Roncolina modificata (con punta arrotondata). dialettale/regionale: Ronciu (alto Lazio) dialettale/regionale: Fauscett (Piemonte) dialettale/regionale: Podèt, Podèta, Rampelìn, Curlasc (Lombardia) dialettale/regionale: Pudèn, Rampeina, Rounca, Runcatta, Runzatta (Emilia romagna) dialettale/regionale: Focol, Serlat (Trentino Alto Adige) dialettale/regionale: Roncee, Falcilut, Sesule, Massàng (Friuli Venezia Giulia) dialettale/regionale: Pennaccu (Liguria) dialettale/regionale: Pennaccu (Piemonte - Valle Bormida) dialettale/regionale: Runca  o Runchiceddra in versione di piccole dimensioni (Calabria) dialettale/regionale: Runchètta (Abruzzo - Campotosto - AQ)…
Read More

Paniere

Campania, Cesti campani, Cesti laziali, Lazio, Tipi di cesti
Panière s. m. [dal fr. panier, che è il lat. panarium, der. di panis «pane»]. – Recipiente di vimini, giunchi, o materiali simili, di forma diversa secondo gli usi, ma per lo più con un manico arcuato fissato nel mezzo, per infilarvi il braccio, e munito talora di coperchio, usato in genere per riporvi e trasportare vivande: un p. pieno di pane, di uova, di fichi, di ciliegie... (fonte Treccani) dialettale/regionale: Cufnella (Campania) - Cesto tradizionale di piccole dimensioni con manici o senza. Termine dialettale della cesteria in uso nell'entroterra salernitano; Appennini campani. In questo territorio si pratica cesteria rurale principalmente con salice da fiume e canna che sono i materiali più facilmente reperibili. Per la realizzazione dei manufatti vengono utilizzati anche altri materiali presenti sul territorio come: il nocciolo, il castagno, l'ulivo, il mirto selvatico, l'olmo, la sanguinella, la vitalba,…
Read More
Ago da cestaio

Ago da cestaio

Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Utensili
Ago da cestaio - Utensile. Di solito realizzato a mano dallo stesso cestaio in canna comune,  in osso o metallo, utilizzato per far passare all'interno di spazi stretti, parte dei rami per completare le chiusure/bordure dei cesti. dialettale/regionale: Ago da cestaio (Lazio) dialettale/regionale: Scusi e n’gusi (Campania) - Termine utilizzato nel territorio di Falciano del Massico (CE). Arnese, di solito realizzato a mano dallo stesso cestaio in canna di palude, utile a far passare all'interno di spazi stretti, parte dei vimini completando le chiusure/bordure. dialettale/regionale: Cànnulu (Puglia - Manduria - Salento) - Utensile di fondamentale importanza per il cestaio. Di forma cilindrica con un'estremità quasi appuntita, lungo dieci centimetri o poco più, utilizzato dall'artigiano che si appresta a completare la chiusura/bordura del cesto. Come un ago si insinua nelle maglie di…
Read More

Nocciolo

Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Materie prime, Valle d'Aosta
Nocciolo - (Corylus avellana) Pianta da frutto della famiglia delle Betulacee. dialettale/regionale: Nucella (Campania) - Termine utilizzato nel territorio di Falciano del Massico (CE). Pianta utilizzata per la raccolta dei polloni anch'essi malleabili quel tanto da essere usati in cesteria. dialettale/regionale: Nuciddra (Calabria) dialettale/regionale: Nocciolo (Lazio) dialettale/regionale: Nòcchia (Abruzzo - Campotosto - AQ) dialettale/regionale: Coudra - Olagne (Valle d'Aosta)  
Read More
Giunco

Giunco

Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Materie prime
Giunco - (famiglia delle juncaceae) Termine generico che indica diverse varietà di piante erbacee palustri con foglie/fusto di forma cilindrica molto lunghe e flessibili. Tra le diverse varietà utilizzate in cesteria ricordiamo il juncus acutus, juncusc efusus e lo scirpoides holoschoenus. dialettale/regionale: Jungiu (Calabria) - In foto juncus acutus. dialettale/regionale: Giunco (Lazio) dialettale/regionale: Ziparo (Campania - Cilentano) dialettale/regionale: Vìngu (Abruzzo - Campotosto - AQ)
Read More
Sanguinella

Sanguinella

Calabria, Campania, Lazio, Materie prime, Toscana
Sanguinella (Cornus sanguinea) - Specie arbustiva appartenente alla famiglia delle Cornaceae. dialettale/regionale: Sanguinaccio (Campania) dialettale/regionale: Sanguigna o Songolaru (Calabria) dialettale/regionale: Sanguinello (Lazio) dialettale/regionale: Sanguinello (Toscana)  
Read More
Ginestra

Ginestra

Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Materie prime
Ginestra - Nome comune di diverse piante della famiglia Fabacee. dialettale/regionale: Janestra (Campania) dialettale/regionale: Scaliddra o Jinostra (Calabria) Ascolta la pronuncia di Scaliddra: [audio m4a="https://www.wikicesteria.it/wp-content/uploads/Scaliddra.m4a"][/audio] dialettale/regionale: Ginestra (Lazio) dialettale/regionale: Fringi (Campania - Cilento) dialettale/regionale: Jinèstra (Abruzzo - Campotosto - AQ)  
Read More

Vitalba

Calabria, Campania, Lazio, Materie prime, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta
Vitalba (Clematis vitalba) - E' una pianta lianosa che cresce nelle siepi e nei boschi. Mostra un comportamento rampicante con fusti ramificati, che si allunga anche oltre i 20 metri sugli alberi. Utilizzata spesso nella cesteria; in genere privata della corteccia. dialettale/regionale: Vitarva (Calabria) dialettale/regionale: Vitalba o Vitabbia (Lazio) dialettale/regionale: Vtaglia (Campania) dialettale/regionale: Vitarba (Toscana) dialettale/regionale: Vouablo (Valle d'Aosta) dialettale/regionale: Vitorta (Umbria - AltaValnerina)  
Read More

Sporta

Abruzzo, Calabria, Campania, Cesti abruzzesi, Cesti calabresi, Cesti campani, Cesti laziali, Lazio, Tipi di cesti
Sporta - Tipo di contenitore che prende forse il nome dallo sparto. Materiale della famiglia delle graminacee che serve per la produzione di cesteria molle. Sporta termine latino che deriva dal greco  σπυρίς. Il diminutivo è sportula termine con cui i romani chiamavano le grandi ceste usate dalle matrone romane per fare la spesa. Ancora oggi indica le grandi ceste, fatte con diversi materiali come vimini, paglia, o sparto. dialettale/regionale: Sporta e paglia o Spurtune (Calabria) - sporta: realizzata con la tecnica a spirale o spurtune: sporta realizzata in lamina. dialettale/regionale: Sporta (Lazio) dialettale/regionale: À  Spòrt (Campania - napoletano) - Cesta grande, bassa, con o senza tela interna, con 2 manici laterali, che serviva per depositare la frutta appena raccolta. dialettale/regionale: Spòrta (Abruzzo - Campotosto - AQ)  
Read More